top of page
  • Writer's pictureCamellia Phillips

A Sicilian View of Melilli - A Conversation with Concetta Crucitti

Updated: Sep 26, 2022


The more time we spent in Sicily this summer, getting to know lovely cousins and neighbors, the more we started to wonder what our wild gamble of buying a house in Italy over the internet looked like from the other side—to the residents of Melilli.

 

So, naturally, we asked.


Our first official interview for this blog was with a marvelous woman who has been a part of our journey from the beginning: Concetta Crucitti. Working at RE/MAX Platinum Siracusa, Concetta took our property hunters and Sicilian home buying experts Angelo and Ayan on many house tours around Melilli, helping find the perfect home for us.

 

After the property closed, Concetta continued working with us directly to get our home furnished and ready to live in. Because, yes, there was no furniture and most houses in Italy are sold without kitchens. Don’t worry—there’s a future blog post coming up on that topic!

 

Concetta Crucitti stands on our rooftop terrace in Melilli, Sicily

Throughout our work together, Concetta went above and beyond to communicate with us in our preferred language—either English or Italian.


One of the requests I see most from aspiring expats interested in buying property in Sicily is help finding an agent who can communicate in English. Well, here she is!

 

Because we’re doing interviews in both English and Italian, we’re also testing out our first bilingual post! Below, you’ll find the article first in English and dopo in Italiano.

 

The Inspiring Beauty of Melilli

 

Concetta embodies the warmth and kindness that Sicily is known for. She even insisted on picking us up at the train station in Siracusa when we first arrived, so she could introduce us to our new home.

 

Camellia: How long have you lived in Melilli? How long has your family lived here? 

 

Concetta: I was born in Augusta and raised in Melilli until age five, then my parents decided to move our family to Australia. My mother was born and raised in Australia until age 14, because my maternal grandparents transferred there for work. My father was born here, but he also lived in Australia when my paternal grandparents were working there. My parents met in Melilli and had two daughters before deciding to return to Australia. We lived in Australia through elementary school, then my father got homesick for Sicily and we returned here to live permanently.

 

Camellia: What is one thing you love about Melilli?

 

Concetta: Melilli is my beloved village, almost everyone knows each other. We are warm, generous, and always available to help. It’s a hillside town filled with culture and natural beauty, while also benefiting from industry and prosperity. Compared to some other towns in the province, Melilli does a lot for its people.

 

Our town also has a strategic position geographically. We are located 18km from Siracusa and 40km from Catania. The highway is easily accessible, which makes it convenient to travel wherever you like. The sea is also nearby and there are many great spots to choose from. In general, Melilli is a calm and peaceful village.

 

Camellia: What is your favorite spot in Melilli?


Concetta: My favorite spot is the walkway above the village. From there, you can see the landscape stretching from Mount Etna all the way to Siracusa. I also love the Path of a Hundred Steps, which is very evocative.

 

The Path of a Hundred Steps, which is located on the hillside below Melilli

 

Meeting Gli Americani Senza Macchina

 

Camellia: How did you meet us (me and Marco) and what did you think of us at the beginning?

 

Concetta: I met you through Angelo, who helps foreigners buy homes in Sicily. He put his faith in me, and I recommended several different options to help him find the home of your dreams. Meeting you and Marco in person after so much time and so much work together was truly exciting! The thing that makes me happiest is to make others happy and to feel pride in my efforts. I love my work and I put my whole heart into it, always putting the client first.

 

Camellia: You did so much to help us. What was the most difficult part—and the most fun?

 

Concetta: If I’m being honest, I didn’t find anything difficult. When you do things with passion, love and the desire to make your clients happy with the satisfaction of a job well done, the work becomes about personal fulfillment above all. I hope to always do things better. One never finishes learning.

 

The most fun part has been the communication, and the most important part has always been ensuring we understand each other.

 

Where Past and Future Meet

 

Camellia: Can you tell me a story about life in Melilli? A favorite memory about the village and its people that makes you think: yes, that is Melilli.

 

Concetta: One thing I will never forget is December 13, 1990. There was a very strong earthquake that brought Melilli to its knees. Many people were left without homes, without work and in financial straits. I was thirteen years old at the time, and I remember it as if it were today. Those who lost their homes had to live in tents in the sports field for months, then in shipping containers for years. Many volunteers helped us, including Mercy, Civil Protection, and other diverse associations. When something so catastrophic happens, it reveals the kindness, humanity, and generosity in our community.

 

Camellia: If you could change one thing about Melilli, what would it be?

 

Concetta: I would like to see more investment in tourism, creating jobs for more people in tourism instead of industrial areas. Promote Melilli as a culinary, cultural, and food and wine destination.

 

Camellia: In your wildest dreams, what would you like to see for the future of Melilli?

 

Concetta: For Melilli, my dreams aren’t about material goods. Rather, I’d love to see our people able to be less stressed, more relaxed, with good jobs, and able to live with joy. I remember experiencing this feeling living in Australia, where I was amazed to see so many people who were always friendly, kind, happy and, above all, less rushed and living with less stress. I wish this for the people of Melilli.

 

L'Intervista in Italiano

 

Più passavamo il tempo in Sicilia quest’estate, incontrandoci con i cugini e il vicinato, più ci chiedevamo come gli abitanti di Melilli vedessero il fatto che avessimo acquistato una casa nel paese senza andarla a vedere. Cosa ne pensavano di questa idea un po’ pazza?

 

Quindi, abbiamo chiesto in giro.

 

La nostra prima intervista per questo blog è stata con una bella donna che è stata una parte della nostra storia fin dall’inizio: Concetta Crucitti. Concetta, che lavora alla RE/MAX Platinum Siracusa, ha portato Angelo e Ayan a visitare molte case a Melilli, per trovare la casa perfetta per noi.

 

Dopo aver acquistato la nostra futura casa, Concetta ci ha aiutato a sistemare la casa per viverci, allacciare l'elettricità e l’acqua, comprare i mobili per la camera da letto, il soggiorno e la sala di pranzo. E la cosa più importante di tutto: montare la cucina!

 

Mentre lavoravamo insieme, Concetta e io parlavamo in Inglese e in Italiano. Una tipica richiesta degli expats che ho sentito molto è come trovare qualcuno che parla inglese in un’agenzia immobiliare. Se questo vi interessa, si deve parlare con Concetta!

 

La Bellezza di Melilli

 

Concetta trasmette il calore e la simpatia per cui la Sicilia è famosa. Lei ha anche insistito di venirci a prendere alla stazione di Siracusa quando siamo arrivati, cosi’ ci poteva far vedere la nostra nuova casa.

 

Camellia: Da quanto tempo vivi a Melilli? Da quanto tempo vive qua la tua famiglia?

 

Concetta: Io sono nata ad Augusta e cresciuta a Melilli fino all’età di 5 anni, poi i miei genitori hanno deciso di andare in Australia insieme a mia sorella. Mia mamma è nata e cresciuta in Australia fino all’età di 14 anni dove i miei nonni materni si erano trasferiti per lavoro. Mio padre è nato qui, ma anche lui ha vissuto in Australia con i miei nonni paterni per lavoro. I miei genitori si sono incontrati a Melilli e dopo aver fatto due figli hanno deciso di trasferirsi in Australia. Ho vissuto là fino alla terza elementare, poi a mio padre è venuta la nostalgia di casa e siamo ritornati. Da allora vivo qui. 

 

Camellia: Qual è la cosa che ami di più di Melilli?

 

Concetta: Melilli è il mio paesino, ci conosciamo quasi tutti, siamo calorosi, generosi e sempre disponibili ad aiutare gli altri. E’ un paese culturale, industriale, collinare e fiorente. Il Comune si distingue dalla provincia perché fa molto per noi cittadini. La posizione geografica è strategica, 18 km da Siracusa e 40 da Catania, lo sbocco autostradale è vicino e quindi comodo per andare ovunque. Il mare non è lontano, possiamo scegliere diversi punti. In generale Melilli è un paesino tranquillo.

 

Camellia: Qual posto a Melilli è il tuo favorito?

 

Concetta: Il mio posto favorito è la parte alta del paese, da dove si vede tutto il tratto che va dall’Etna fino a Siracusa, e poi amo le cento scale, è un posto suggestivo.

 

Incontrarsi Gli Americani Senza Macchina

 

Camellia: Come hai conosciuto Marco e me? E che cosa pensavi di noi all'inizio?

 

Concetta: Io vi ho conosciuto tramite Angelo, un ragazzo che si occupava di aiutare gli stranieri a comprare casa in Sicilia. Lui si è fidato di me, ed essendo del luogo, gli ho consigliato le diverse soluzioni per aiutarvi a scegliere la casa dei vostri sogni. Incontrarvi di persona dopo tanto tempo e dopo tanto lavoro dietro è stato davvero emozionante! La cosa che mi rende più felice è rendere felici gli altri ed essere orgogliosa del mio impegno. Io faccio un lavoro che amo e lo faccio veramente con il cuore, metto sempre il cliente al primo posto.

 

Camellia: Hai fatto tanto per aiutarci, qual è la parte più difficile? E la parte più divertente?

 

Concetta: Se devo essere sincera non ho trovato niente di difficile, perché quando fai le cose con passione, amore e voglia di rendere felici i clienti con la soddisfazione di aver fatto le cose per bene, non c’è prezzo, non è una questione economica, ma di realizzazione personale. Io spero di fare sempre meglio, non si finisce mai di imparare.

 

La parte più divertente è la comunicazione, ma l’importante è capirci.

 

La Vita a Melilli

 

Camellia: Mi puoi raccontare una storia sulla vita a Melilli? Il tuo ricordo preferito sul paese e la gente di Melilli che ti fa pensare che, sì questo è Melilli.

 

Concetta: Una cosa che non dimenticherò mai è il 13 dicembre 1990. C’è stata una scossa di terremoto molto forte e ha messo Melilli in ginocchio. Molte persone si sono ritrovate senza casa, senza lavoro e in difficoltà economiche. Io avevo 13 anni e lo ricordo come fosse stato oggi. Tutte le persone senza casa sono state costrette a vivere dapprima nelle tende sistemate nel campo sportivo per mesi e poi nei container per anni. Ci sono stati molti volontari che ci hanno aiutato, fra Misericordia, Protezione civile, e diverse associazioni. Quando a Melilli succede qualcosa di sovrannaturale il paese è compatto, umano e generoso.

 

Camellia: Se potessi cambiare una sola cosa di Melilli, che cosa sarebbe?

 

Concetta: Direi renderlo più turistico, investire sul turismo, far lavorare molte più persone in questo campo anziché nelle industrie, promuovere Melilli nell’ambito culinario, culturale, enogastronomico, insomma aumentare i ceti sociali.

 

Camellia: Se dovessi pensarci, qual è la cosa più incredibile che vorresti vedere a Melilli nel futuro?

 

Concetta: Io non penso a una cosa materiale, ma di incredibile mi piacerebbe che gli abitanti fossero meno stressati, più rilassati, tutti occupati a lavorare e vivere felici. Io questa sensazione l’ho vissuta in Australia, mi faceva meraviglia vedere la gente sempre cordiale, gentile, felice, e soprattutto senza avere fretta, senza stress.

 

 


347 views2 comments

Recent Posts

See All

2 comentários


Nic *
Nic *
28 de set. de 2022

I'm not sure what happens with kitchens in Sicily, but in Germany when you rent, you take your kitchen with you!

Curtir

joannebwright
joannebwright
26 de set. de 2022

You found such angels to make this happen! So glad you connected with Angelo and Concetta (and others) on your journey

Curtir
Post: Blog2 Post
bottom of page